PRESS

01/07/2009 - Beppe Volpini

Beppe Volpini su Artgallery: sogno, inconscio e psichedelia

 

Beppe Volpini è l'artista del mese di luglio sulla galleria online dell'Associazione Culturale Artgallery (www.artgallery.cartaematita.com). Beppe Volpini nasce a Milano nel 1972. Dotato di una innata predisposizione al disegno, si forma presso l’Istituto Grafico Salesiano e successivamente all’Accademia di Belle Arti di Brera, con indirizzo Scenografia.
Dopo un periodo di sperimentazione nella musica e nella video-arte, torna a disegnare nel 2003.

Beppe Volpini predilige dipingere su tavole di legno recuperate dalla strada: è affascinato dalla possibilità che un oggetto - ormai destinato a diventare rifiuto - trovi nuova vita come veicolo di un’opera d’arte.
Agli inizi, l’artista inizia a produrre una serie di quadri ispirati da alcuni schizzi realizzati in precedenza. I primi esperimenti nascono da progetti sviluppati prima al computer in 3D, e poi dipinti su medio formato.

In una prima fase pittorica, Volpini predilige i colori saturi. Successivamente, dà spazio alla matericità, aggiungendo colori metallici (soprattutto oro e argento) per dare una nuova profondità ai suoi lavori.
La luce viene riflessa dalle opere in modo diverso a seconda del punto di vista, offrendo all’osservatore molteplici piani di lettura.

I primi soggetti di Beppe Volpini sono spontanei e istintivi, spesso nascono senza un preciso progetto. Inconsciamente, sono ritrovati e riproposti alcuni simboli: il sole stilizzato (che irradia luce ed energia ai soggetti del quadro e all’osservatore), occhi (che simboleggiano osservazione, sintesi dei nostri pensieri e dei nostri atti), mani e piedi stilizzati (la concretezza dell’esistenza e dell’azione-interazione).

Attualmente l'artista sta lavorando a nuovi soggetti, più onirici e "psichedelici". Con una sola ed unica certezza: non ci sarà mai una fine ma solo una continua evoluzione verso tutto ciò che gli è rimasto ancora inesplorato.

"Sono le immagini o le parole a dare forma al pensiero? Gli elementi dei quadri di beppe sembrano precederlo. Forme che gli hanno attraversato la mente, una combinazione di suggestioni raccolte in un quaderno di appunti liberi dal peso delle intenzioni. Dalla carta allo schermo del computer, i segni schizzati a biro si frammentano in puntini luminosi. Allora intervengono le campiture cromatiche, piatte e vivaci, a riempire confini sempre più netti di immagini ritagliate da un fumetto..."

 

via orseolo, 3 20144 Milano | T. 0258102678 | F. 0245496724 | C.F. 97504960150 | info@associazioneartgallery.org
© Copyright Associazione Artgallery 2009 - 2012 - Tutti i diritti riservati